Un caffè in compagnia dei gatti: cat café a Totnes e Londra

Vi piacciono i gatti? Vi sciogliete quando vi fanno le fusa? Se la risposta è sì, questo post è tutto per voi.

I cat café, letteralmente “caffè dei gatti“, sono caffetterie o sale da tè con gatti che girano liberamente fra i tavoli. Ci si può limitare a osservarli oppure, se si avvicinano, accarezzarli e giocare con loro. Nelle intenzioni dei proprietari, i cat café sono un’occasione di pet therapy e un luogo di aggregazione per chi ha in comune l’interesse per questi animali. Spesso fanno capo a enti no-profit e promuovono iniziative quali la ricerca di nuovi padroni per i trovatelli o incontri su temi come l’alimentazione, il comportamento e la salute del gatto.

The Totnes Cats Café è il primo locale di questo genere aperto in Inghilterra (maggio 2013). Si propone come un feline therapy lounge, un “salotto per la terapia con i felini“, e in effetti ne ha tutto l’aspetto: i clienti si accomodano su poltrone o sedie imbottite e fra un sorso di tè e un boccone di torta smaltiscono lo stress in compagnia di sei gatti giocherelloni. Uno particolarmente curioso ama infilarsi nelle borse della spesa, un altro arrampicarsi sui tronchi di moquette, un altro ancora accucciarsi in grembo a chi gli va più a genio fra i clienti.

I sei gatti del cat café di Totnes sono accuditi da Mrs Days, che li ha abituati sin da micini alla presenza di tante persone sempre diverse. Quando il caffè chiude, i gatti non restano lì da soli: Liz e Bill, i loro padroni (nonché proprietari del locale), se li portano a casa ogni sera.

The Totnes Cats Café si trova in centro a Totnes, a un paio di minuti a piedi dalla nostra scuola di inglese. In gennaio e febbraio è aperto solo al venerdì e al sabato dalle 10 alle 16; da marzo a dicembre tutti i giorni dalle 10 alle 17 tranne il lunedì. C’è un limite di età: non possono entrare i bambini e ragazzi che hanno meno di 16 anni. Essendo un locale piccolo, si entra in pochi alla volta. Per assicurarsi un ingresso, soprattutto se si viene da lontano, occorre prenotare (5 GBP) dal sito internet del caffè.

Eccolo qui:

Di recente apertura (marzo 2014) è il primo caffè dei gatti a Londra, situato a circa venti minuti a piedi dalla fermata della metro Liverpool Street Station. Questo progetto, come del resto quello di Totnes, si basa su un attento studio di fonti autorevoli sul comportamento dei gatti in ambienti chiusi. È stata inoltre richiesta la consulenza di vari esperti per definire una buona pratica nell’allestimento e la gestione di un cat café. Ci sono norme di igiene da rispettare per la tutela dei clienti e un monitoraggio dei gatti che ne prevede la ricollocazione altrove se danno segni di stress cronico.

Il Lady Dinah’s Cat Emporium di Londra prende il nome dalla gattina di Alice in Alice nel paese delle meraviglie. Anche questo locale si presenta come un grazioso salotto su due piani in cui vivono undici bei gattoni. È aperto tutti i giorni dalle 11 alle 15 e dalle 16.15 alle 23. I bambini che hanno meno di 8 anni non possono entrare. È necessario prenotare (5 GBP) e si entra per breakfast, lunch e dinner (ma il menù è sempre lo stesso di torte e dolcetti da gustare insieme a un tè, caffè o cappuccino). Il caffè dei gatti di Londra ha avuto un enorme successo, tanto che le prenotazioni sono esaurite fino a ottobre 2014.

Per farvi un’idea, ecco il simpatico video di lancio:

Per concludere la nostra panoramica sui cat café in Inghilterra, a fine estate 2014 è prevista l’apertura di un terzo locale: si tratta del Koneko Cat Café di Brighton, la cui location è in definizione proprio in questi giorni.

Se però non avete la possibilità di andare in Inghilterra, anche in Italia abbiamo i nostri due caffè dei gatti: il MiaGola Caffè e il Neko Café, entrambi a Torino.

Fonti principali: pagine web ufficiali di The Totnes Cats Café e di Lady Dinah’s Cat Emporium, maggio 2014.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>