York, domenica 6 luglio: II tappa del Tour de France 2014

Domenica mattina York sarà sotto i riflettori delle TV di tutto il mondo: alle 11.00 i ciclisti partiranno dallo York Racecourse, l’ippodromo di York, e in circa mezz’ora attraverseranno la città di York, passando da edifici storici come la York Minster e la Clifford’s Tower. La gara vera e propria inizierà al limitare del centro abitato, dove i ciclisti acquisiranno velocità alla volta di Sheffield. Post dedicato a chi sta pensando di fare un corso di inglese a York o una gita a York da Londra e vuole farsi un’idea della città e dei dintorni.

La Grand Départ del Tour de France 2014 è nello Yorkshire: prima tappa da Leeds a Harrogate passando dalle Yorkshire Dales sabato 5 luglio, e seconda tappa da York a Sheffield passando dai monti Pennini domenica 6 luglio. La terza e ultima tappa in Inghilterra è da Cambridge a Londra lunedì 7 luglio.

Stasera, giovedì 3 luglio, nella Leeds Arena si tiene la cerimonia di apertura, che ha come tema The People of Yorkshire Welcome the World e nelle intenzioni degli organizzatori sarà “the biggest in the history of the Tour”. La presentazione delle 22 squadre di ciclismo del Tour del France 2014 avverrà in una spettacolare cornice di musica e intrattenimento: tra gli altri, si esibiranno gli Embrace, Kimberley Walsh e Alistair Griffin con The Road (la colonna sonora ufficiale del Tour de France 2014, vedi le Fonti a fondo webpage) e il coro e l’orchestra dell’Opera North.

Ecco dove passeranno i ciclisti nelle prime due tappe del Tour de France 2014:

Visto che bello lo Yorkshire? Ora però, soffermiamoci su York.

La città deve il suo nome e il nome di molte vie (quelle che terminano con “-gate”) ai Vichinghi, cui è dedicato lo Jorvik Viking Centre, ma fu fondata dai Romani nel 71 d.C., e nel 306 d.C. vide l’incoronazione dell’imperatore Costantino I, detto il Grande. Le City Walls che circondano il centro storico non sono le mura romane, bensì quelle medioevali, opportunamente restaurate e sottoposte a continua manutenzione. Anche The Shambles risalgono al Medioevo: originariamente la via dei macellai, oggi è un susseguirsi di negozietti di ogni tipo. Uno dei simboli di York è la York Minster, l’enorme cattedrale gotica ultimata nel 1472, dopo ben 250 anni di lavori di costruzione.

Altri luoghi da non perdere di York sono il National Railway Museum, il museo delle ferrovie più grande del mondo, e lo York Castle Museum, diviso in sezioni di cui ricordiamo in particolare Kirkgate – The Victorian Street, la ricostruzione di una via di York (Kirkgate) così com’era tra il 1870 e il 1901.

Come ogni località inglese che si rispetti, anche York ha i suoi fantasmi, che potete conoscere nel corso di una Ghost Walk of York.

York è famosa per il cioccolato: per chi non lo sapesse, è la patria del KitKat e degli Smarties e per il film Charlie and the Chocolate Factory con Johnny Deep (in Italia La fabbrica di cioccolato) la fabbrica Nestlé Rowntree di York ha prodotto migliaia e migliaia di barrette. In città si trovano varie botteghe artigianali di goduriose tavolette e praline in tutte le salse. Ma se il cioccolato non vi piace, no worries: ci sono sempre le classiche sale da tè inglesi, e la prima fra tutte qui nello Yorkshire è Bettys.

York è bagnata da due fiumi, l’Ouse e il Foss. Sul lungofiume ci sono piste ciclabili e vie pedonali oltre naturalmente a caffè e ristoranti. Se vi piace navigare, potete optare per una gita in battello sull’Ouse, oppure, per chi preferisce la terraferma e vuol vedere qualcosa d’insolito, c’è lo York Maze (solo in estate): un grande labirinto fatto di piante di granoturco, ogni anno con un disegno diverso.

Ma tutto questo ve lo dicono loro meglio di me:

Fonti: siti internet ufficiali di Le Tour Yorkshire; The Embrace (sezione delle news); video di The Road di Kimberley Walsh e Alistair Griffin; Visit York.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>